Dichiarazione Comune Internazionale

Per rendere il proprio onore ai migliaia di Fucilati per l’esempio della Prima Guerra mondiale

Durante il primo conflitto mondiale del 1914-1918, che fece milioni di morti sui campi di battaglia e le trincee, esiste anche un altro crimine barbaro che vide l’uccisione per mano dei propri eserciti, di migliaia di soldati il cui solo crimine era quello di essere terrorizzati dalla violenza mortale dei combattimenti e delle armi. Messe, benedizioni, preghiere e confessioni… nulla cambiarono a questa barbarie. Anzi.

Gli storici stimano che furono fucilati per l’esempio:

  • 650 in Francia
  • 256 in Regno Unito
  • 23 in Canada
  • 22 in Irlanda
  • 5 in Nuova Zelanda
  • 12 in Belgio
  • 50 in Germania
  • 800 in Italia

Questo senza tener conto delle esecuzioni sommarie e degli uccisi non censiti. Un solo fucilato per l’esempio costituisce di per se un crimine di guerra, quando si parla di migliaia si parla di crimini contro l’umanità.

Quelle esecuzioni per l’esempio porteranno, molto più tardi,al riconoscimento del trauma delle trincee, meglio conosciuto sotto il nome di Shell Shock. Era la vendetta postuma delle migliaia di soldati passati per le armi per codardagine.

Malgrado ciò, la maggior parte di questi poveri uomini non ha visto il proprio onore ristabilito, il suo nome riabilitato, ne le proprie famiglie rese al proprio sentimento di dignità. Il Regno Unito nel 2005 a promulgato una legge che «cancelli gli errori» dei 306 fucilati per l’esempio, e così facendo ha concesso loro una specie di «perdono». Un monumento è stato persino eretto nel Staffordshire in loro memoria.

Ma nei altri paesi nulla di simile è stato fatto. In Francia, il Libero Pensiero, affianco ed assieme ad altre associazioni (vecchi combattenti, pacifisti, difensori dei Diritti dell’Uomo) hanno intrapreso un’azione decisa per una riabilitazione collettiva.

Il movimento libero pensatore, umanista e laico è, intrinsecamente, profondamente pacifista ed internazionalista, poiché non crede che la guerra possa essere la soluzione ai problemi dell’Umanità. Esistono altre vie per risolvere pacificamente i conflitti.

È per questa ragione che le associazioni firmanti richiedono in modo incalzante che i paesi in questione, là dove non sia stato ancora fatto, rendano onore, nel modo che giudichino più appropriato, a quelle migliaia di soldati fucilati per l’esempio della Prima Guerra mondiale.

  • PER LA FRANCIA:
    • Federazione nazionale della libera pensiero (FNLP)
    • Associazione Repubblicana degli Antichi Combattenti (ARAC)
    • Unione Pacifista della Francia (UPF)
  • PER IL BELGIO:
    • Cerchio di Libero Pensiero – Kring van het Vrije Denken (CLPKVD)
    • Associazione dei liberi pensatori di Huy e la sua regione
  • PER LA SVIZZERA:
    • Libero-pensiero di Ginevra
  • PER IL CANADA:
    • Associazione Umanistica del Quebec
    • Liberi pensatori di ateo
    • Società di umanista di Ontario
  • PER LA NUOVA ZELANDA:
    • L’associazione di Nuova Zelanda di razionalisti & gli umanisti
  • PER LA GERMANIA:
    • Lega internazionale di non-religiosi e atei (IBKA)
  • PER L’ITALIA:
    • Associazione Nazionale del Libero Pensiero “Giordano Bruno”
  • PER L’IRLANDA:
    • Associazione – Campagna per li fucilati per l’esempio
  • PER L’AUSTRIA:
    • Federazione dei Liberi Pensatori d’Austria (FDBÖ)
  • PER IL REGNO UNITO:
    • Foro umanistico per la pace
Categorie: Risoluzioni